E`di oggi la notizia del suicidio di un ragazzo di 19 anni, che prima di compiere il terribile gesto scrive un biglietto alla sua mamma per scusarsi. Le chiede scusa per aver giocato alle slot tutti i soldi e per aver scelto di rinunciare alla vita. Non si può  evitare di pensare a quella mamma….e chiedersi quanto ancora dobbiamo aspettare per vedere maggiore tutela soprattutto  per i giovani. L’impegno delle famiglie non basta, c’e` bisogno di politiche serie che abbandonino le parole e passino ai fatti concreti…..ma subito! Bisogna che lo Stato promuova progetti che intervengano nell’ambito della prevenzione anche nelle scuole! Questo e` diventato urgente! Primoconsumo, dichiara il suo presidente Marco Polizzi, ha chiesto il patrocinio  al Ministero della Pubblica Istruzione per lanciare un progetto di prevenzione per gli adolescenti senza spese per lo Stato; Primoconsumo lo ha già fatto con il centro di ascolto psicologico e ancora una volta si proporrà come centro vitale della lotta alla malattia da gioco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.